social

Il Fuori Gioco, La rimessa Laterale e gli AutoGoal

Non sono un’intenditrice di calcio. Anzi, la realtà è che non ne capisco proprio nulla!

Ma questo è periodo di Nazionale! In queste occasioni chi non è coinvolto dalla passione lo è da un minimo di patriottismo!!!Ci si organizza dunque, per trovarsi a casa di amici o davanti al maxi schermo del solito bar. L’importante è stare insieme e portare a casa il risultato.

Il calcio d’inizio è stato battuto. I veri tifosi sostengo i giocatori in campo, muovono critiche tecniche, gioiscono ed esultano per un probabile goal nella porta nemica e tremano quando è Buffon a rischiare la rete.

Nel frattempo, io vengo assorbita da altri pensieri!! – potrebbe essere anche questa, una partita “pilotata”? –    Non oso fare la domanda ad alta voce.

Guardo i ragazzi intorno a me e vedo entusiasmo e speranza!

Guardo lo schermo e vedo dei professionisti che stanno facendo il loro lavoro!  Sì, perché quello del calciatore  è un non mestiere [eh ben retribuito a certi livelli!]

Il mio pensiero, nei confronti di alcune attività, lascia poco spazio alla tolleranza. Le considero vocazioni. La medicina, la giustizia, la cura dello spirito, l’educazione, la sicurezza e anche lo sport. Si tratta di discipline, per cui sono indispensabili sensibilità particolari, capacità innate, trasporto interiore, passione e sacrificio!

Sin da bambini, siamo tutti soggetti a guardare con occhio di riguardo alcuni “personaggi”; a considerarli come punti di riferimento, modelli di vita ed esempi da cui prendere spunto!  Che si tratti di sportivi, musicisti, medici, politici. Ciò che li rende GRANDI, sono la tenacia e l’amore che mostrano “sul campo”.

E allora viene da chiedersi come mai è soprattutto in questi ambiti che la corruzione ha il sopravvento? Cos è che porta a dirottare la propria condotta e ricevere per sé o per altri, denaro o utilità che non gli sono dovute? Cosa fa dimenticare le motivazioni, l’entusiasmo, la passione e anche i sacrifici che l’ hanno reso leader?

Lo sport, ma in particolare il calcio in Italia, dovrebbe divertire e appassionare chi lo pratica ed intrattenere chi ne è spettatore. Questa equazione non dovrebbe risolversi con inutili e dannose delusioni.

Con quale faccia si ri discende in campo dopo certe accuse! Come si trova il coraggio di fornire motivazioni!! Con quali occhi, questi falsi-idoli, guardano in faccia i fans più piccini e quali giustificazioni preparano per i fans veterani!!!

AI POSTERI L’ARDUA SENTENZA!!!!

Siedi,
ti offro un giro.
#inbottega
Andiamo
Share

4 commenti

    • dispariepari

      Danila

      Figurati..e poi, ognuno ha diritto di esprime il proprio pensiero come meglio crede/sente! Buon lavoro a te e quando vuoi, torna a trovarci, sei la benvenuta[tu & i tuoi reflussi gastrici!! :-)]

  • dispariepari

    Danila

    ciao Mirella! penso che il tuo tono acido sia ben giustificabile[il troppo e facile denaro ha spesso creato più danni che altro, soprattutto per chi non è in grado di “gestirlo”].

  • mirella

    ciao,
    secondo me lo fanno con la faccia dei tanti soldi che ricevono, scusa l’acidità ma il calcio ormai non è piu’ uno sport perchè tutto è solo e sempre una questione di soldi e vedere gli 11 giocatori strapagati che dovrebbero rapresentare l’Italia che non sanno neanche cantare l’inno italiano (tranne Buffon) mi dà il voltastomaco.
    Per non parlare delle crudeltà verso gli animali che nascondono tutti e che sono state compiute dal governo uKraino…..sempre e solo per 4 soli.
    Mirella

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.