Dispariepari,  Tempo Libero

Tavern’Arte – Arte da degustare 2

La sera dell’inaugurazione della mia personale Tavern’Arte

mi sono occupata principalmente di far sì che chiunque entrasse fosse accolto da un buon calice pieno;

io per prima, così da sentire meno rigoroso e formale la serata.

 

Non avevo idea ne di chi ne di quante persone sarebbero venute.
Ogni ingresso è stata una piacevole sorpresa!

Ho perso di vista il tempo, come anche lo spessore personale dell’evento:


è stato come aprire le porte di casa a vecchi e nuovi amici.

 

Lo staff del Tavernacolo è stato cortese e disponibile.  Tanto.

Era tempo che non mi sentivo così.

Ho formulato un discorso – accuratamente non preparato, frutto dei giorni di allestimento e di soliloqui.

Nei ringraziamenti finali – guardando mia sorella, ho visto nostra mamma e mi è partito un lapsus,
che poi tale non è.

 

 

Fra gli applausi dei presenti, e l’imbarazzo mio, Samuel mi chiede di scendere alla sua altezza si avvicina al mio orecchio sinistro e battendomi la mano sulla spalla sussurra:

Mamma, bel discorso!

Poi ci siamo abbracciati.

❤️

 

 

Viva il vino spumeggiante nel bicchiere scintillante, […] .

Viva il vino ch’è sincero che ci allieta ogni pensiero, […]

(Cavalleria rusticana)

Siedi,
ti offro un giro.
#inbottega
Andiamo
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.