Odio le sorprese normalmente, figuriamoci quando arrivano al venticinquesimo giorno di dieta. Arg!

Il mio organismo è in fase di depurazione: niente caramelle gommose, niente cioccolata, niente pizza, zero caffè (ok, faccio outing: uno appena sveglia, giusto per aprire gli occhi!!). Insomma vivo quella che io chiamo: la depressione del gusto!

Che poi, quando ci fai l’abitudine, la dieta non è nemmeno troppo snervante.

Mi rendo però conto, del fatto che sta iniziando ad avere un pizzico di peso sull’ umore.

sorpresa! anche no, posso diventare una bestia

sorpresa! anche no, posso diventare una bestia

Questa mattina, mia sorella, pensando di farmi una sorpresa (e lei sà, che io le mal sopporto!), è venuta a prendermi sotto casa – con la mia macchina. Peccato che io sia arrivata in garage un attimo prima che la sorpresa si palesasse.

Per un momento ho pensato che me l’avessero rubata (zingari alla fame o vù cumprà disperati, ovviamente!), poi, d’istinto l’ho chiamata (con tono incazzosissimo): ho pensato che ieri sera, invece che riportarmela in garage dopo averla usata, si fosse accompagnata a casa sua, e che questa mattina fosse rimasta pisolante fra le lenzuola!

Fra un insulto e l’altro, eccola spuntare giù dalla rampa!

Samuel, naturalmente ignaro delle mie ragioni, mostra entusiasmo nel vedere la zietta! Lui, ancora, non vive di orologi e tempi. Io, invece, ho sempre i minuti contati e, ultimamente, il gusto depresso!

Appena i fumi della rabbia sono evaporati, ho pensato che la mia reazione fosse stata un tantino esagerata, e infatti l’ho poi chiamata, dimenticandomi comunque di chiederle scusa!!

La zietta ora, però, lo sa: se vuole farmi una sorpresa deve avvisarmi prima o, quanto meno, aspettare che finisca il mio regime a stecchetto!

 

Siedi,
ti offro un giro.
#inbottega
Andiamo
Share