• Soliloquio

    Ho voglia

    Caro 🎅🏼, il freddo inverno bussa, ma oggi in Val Padana il sole spinge! Vieni con me, ho il vinbrulé ed un cassetto da aprire: Ho voglia Di positivo e leggerezza Di chi nel silenzio mi accarezza Di risate e allegria Di mani che scansino la letargia Di sospiri e passione Di calore che non sia del piumone Di piacere e impegno Di condividere senza ritegno Di ricevere e dare Di dire fare e pogàre Di bere e mangiare stesi sul letto Di un cielo stellato per tetto Di accendere una sigaretta Di passarla ad altre labbra senza fretta Di correre sotto la pioggia Di fare da ombrello alla noia…

  • Privacy
    Burocrazia

    Privacy e Nuovo Regolamento UE – 2018

    La Privacy e il Nuovo Regolamento UE – 2018   Il Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali – privacy, è entrato ufficialmente in vigore il 24 maggio 2016 e diventerà definitivamente applicabile in via diretta in tutti i Paesi Ue dal 25 maggio 2018.   Le novità del nuovo Regolamento interessano i cittadini, le imprese, gli enti pubblici, le associazioni e i liberi professionisti.   In sintesi le principali novità:   Il diritto all’oblio: si potrà ottenere la cancellazione dei propri dati personali, anche on line, da parte del titolare del trattamento qualora ricorrano alcune condizioni previste dal Regolamento:   nel caso in cui i dati siano trattati solo sulla base del consenso dal…

  • Tempo Libero

    Frida Khalo: quando la trasposizione del dolore diventa arte

    Al Mudec di Milano sino al 3 Giugno: Frida Khalo oltre il Mito.   Non si tratta di una esposizione dell’arte di Frida, o meglio: non solo; in questa mostra è presente l’espressione della sua sofferenza vitale, l’affermazione delle sue radici messicane, la ricerca continua e consapevole del proprio IO e una evidente leggendaria resilenza.   Il progetto espositivo evidenzia quanto le opere di Frida Khalo siano caratterizzate da una profonda coerenza, umana e artistica. Buona Visione In un video, commuovente, Frida parla dei suoi incidenti:   Il TRAM: nel 1925             DIEGO: nel 1929    

  • Psicosomatica

    Penso, dunque sono: la connessione fra corpo e mente

    Al di là di ogni credo, fede o filosofia professata, l’essere umano ha indiscutibilmente una costituzione psico-fisica, è composto cioè da una parte corporea ed una psico emotiva. Il rapporto e la connessione fra corpo e mente fanno di un individuo una persona equilibrata o meno. René Descartes (Renato Cartesio) nel diciottesimo secolo determinò le basi per lo sviluppo della cultura del dualismo fra corpo e mente: Cogito, ergo sum – Penso, dunque sono.   La allora sorprendente scoperta di Cartesio offre al mondo la possibilità di provare a risolvere una parte delle problematiche esistenziali: se l’essere umano non è composto soltanto di materia significa che, per mantenere un certo equilibrio,…

  • Opere

    Selfie

    Sembra così distaccata, così concentrata, così tranquilla. Eppure i suoi occhi rimangono puntati sull’orizzonte. Appena la conosci pensi di aver capito tutto quello che c’è da capire di lei, ma nulla di ciò che pensi è vero. Dentro di lei la passione scorre come un fiume di sangue. Ha distolto lo sguardo per un solo istante, e la maschera è scivolata, e tu ti sei innamorato. Tutti i tuoi domani cominciano qui. [New Age] [ Selfie – olio su tela, 60×60]

  • Missioni

    Caro Babbo, vorrei…

    Caro Babbo, so bene di essere in anticipo ma se non colgo l’attimo poi me ne scordo! Vorrei che la temperatura attuale resti tale anche a dicembre, gennaio, febbraio e, chesso’, diventi perenne; Vorrei un bimby-man che mi accolga la sera, mi vizi un po’ e mi coccoli anche, mmh sento già il profumo di succulenti e sane pietanze, vorrei che mi inebrii dolcemente e si faccia tiramisù, senza concedere distanze; Vorrei conversare con persone interessanti, motivanti e stimolanti, non lagnanti e tanto meno insegnanti, ché anche chi ha una cattedra sa bene che saccenza equivale a decadenza; Vorrei avere un sorriso al giorno da spendere per chi ne ha bisogno,…

  • Missioni

    So che sai

    So che sai. Che sai che sei. Che non ce lo diciamo. Che quando parliamo è scontro, incontro, confronto. E’ contorto. E’ conforto. Il lieto fine non è per noi, non fuori, non detto, lo portiamo dentro. So che sai. Che sei enfasi, audacia, passione. Resilenza, empatia. Parolacce. Sai che ho pescato tutto, ‘nella scatola e nella cassa’ ogni cosa è riposta, lì sai che trovo risposta. Pur nel disordine, che regna e vaga sovrano. So che mi strapazzerai sempre. Ancora e ancora, che infilerai ordine nella scatola, pungolando la cassa. Che mi ricorderai dove sta la forza, e mi fornirai forbici per scucire la durezza. Che ci sarà sempre…

  • Soliloquio

    Undici anni senza te

    Non t’ho mai chiesto scusa. … ho vissuto in apnea sapendo, ma volendo ignorare. ho corso, cosciente del fatto che non ti avrei raggiunto. ho seguito le tue ultime parole, ti ho immaginato lì a ridere per non aver saputo dire sì. ‘sei la regina dei gavettoni’ dicevi, hai voluto privarmi dello scettro con la doccia più gelida che abbia mai conosciuto. ho sollevato e smosso l’infinito, scoprendo t a r d i che non eri mai partito. non mi perdono. ho compreso il senso dei disegni invisibili, ma non riesco ad accettare lo stato di impotenza a cui mi ha costretta. mi hai salvata hai salvato il mio corpo…

  • Pensieri

    Voglio andare in collegio

    Mamma, cos’è il collegio? È un posto dove i bambini o i ragazzi studiano e vivono. Perché? Perché M. ha detto che andrà in collegio. I suoi genitori lo accompagneranno ieri. Ma figurati… (domani), chi te lo ha detto? M. Me lo ha detto proprio lui. Ma sei sicuro? Si. Sai, ci voglio andare anche io. Ma dove? In collegio. Vuoi andare con M.? No. Voglio andarci da solo… … perché? Perché si. Voglio andare in collegio. Ma va… Mamma, voglio andare in collegio. Ho deciso. … Allora quando mi porti? Samuel, scherzi o dici sul serio? Voglio andare in collegio. … guarda che in collegio nessuno ti legge la…

  • Soliloquio

    Il mio mondo

    Mio papà mi accusa (me lo imputa proprio) di vivere da sempre nel mio mondo. Di cadere dal pero spesso. Troppo, spesso. Di non accorgermi della realtà, o di farlo tardi; di sbraitare in un modo che -in questo mondo, non si fa. Ha ragione, lo so. E lui sa che io so. In pratica sappiamo di sapere ma, lui, vorrebbe che io lo sapessi al punto di saperlo meglio. Il mio mondo, da un po‘, è Lui. Samuel. Prima erano ( s o l o ) loro. Lui, mio papà; Lei, mia mamma; l’altra Lei, mia sorella, arrivata per caso, ma nemmeno troppo -per caso; forse per i miei…