La primavera al tempo del COVID 19
Cultura e Società

La primavera al tempo del COVID 19

È tempo di fioriture; è tempo di mettere al riparo i germogli dalle intemperie dei prossimi mesi.

Arriverà anche il tempo del raccolto.

Le innumerevoli voci degli agricoltori italiani si levano!

Abbiamo urgenza di manodopera – dicono, lo Stato deve provvedere a consentire l’immigrazione dai paesi nord africani ed est europei.

Fra le tante voci, poi, sento quelle di chi è già in Italia (italiano di nascita o no, che è uguale) ed ha fame e non ha un lavoro e non ha una casa ed è disperato – non da mo’.

Ma davvero? mi domando.

Un tempo mi sarei data della scema, perché illusa che nelle vene degli esseri umani scorra sangue, e che al cervello arrivi ossigeno.

Ora invece mi è chiaro che il bisogno/piacere di sfruttare e sottopagare la povera gente è più forte di qualunque virus. Ahinoi.

La primavera al tempo del COVID 19 non è tanto diversa dalle altre.

Siedi,
ti offro un giro.
#inbottega
Andiamo
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.