cose che proprio fatico a comprendere!

Cose che davvero, pur sforzandomi, non riesco a comprendere!

Non mi schiero politicamente, né ideologicamente. Non mi sento particolarmente perbenista. Non sono solo indignata, è che proprio fatico a comprendere.

E’ la mala informazione, oltre agli interessi – subdoli e meschini – economico finanziari, ad alimentare gli esodi di questa povera gente. Se solo sapessero veramente a cosa vanno in contro .. se solo immaginassero cosa li aspetta, forse non partirebbero. Forse sceglierebbero di farsi schiacciare dalla guerra in casa loro, forse preferirebbero soffrire fame e sete – a casa loro, forse morirebbero comunque da incazzati ma, forse preservando un briciolo di dignità. Lo sfruttamento e la cattiveria di chi prima li soccorre perché gli tocca, e poi approfitta del bisogno e delle speranze di queste persone, è da condannare e perseguire. La burocrazia italiana li tiene ostaggi, la burocrazia delle nazioni forti li tiene sotto sequestro. Per loro non c’è riscatto.

Possiamo non guardare, non ascoltare, aver paura, sentirci attaccati e scippati dei nostri diritti di cittadini italiani e dunque essere, con loro, incazzati. Possiamo non voler essere solidali, possiamo pensare: “prima spetta a noi”, possiamo essere insensibili ed egoisti. Di fatto, però, quando non molto tempo fa eravamo noi a migrare inseguendo i sogni, speravamo almeno nel senso civico etico sociale e morale.

Ché Allāh, Dio, o chi per lui, intervenga sui cuori e sulle menti del genere umano, e ché chi governa, amministra e gestisce il potere, inizi a farlo seriamente.

Sono quasi dieci anni che sto in Italia [..]
Voglio tornare in Africa [..]
Non lasciatemi morire così [..]
La schiavitù africana? E’ niente confronto a tutto ciò [..]

Il video è tratto dalla puntata di lunedì sera di Piazzapulita su La7:

è stato girato in Italia, nel Ghetto di Rignano in provincia di Foggia, una bidonville clandestina italiana, dove gli immigrati,  vivono da clandestini, da più di dieci anni.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *