• Opere

    In bocca al Lupo

    L’altro giorno, di circa tre anni fa, parlavo con un amico.   Si chiacchierava del più e del meno, gli raccontavo del corso di disegno e pittura che stavo seguendo, e robe simil. Improvvisamente mi dice: mi fai un lupo, prima o poi eh! Mi conosce bene questo amico, sa che con me il tempo è una variabile imprevedibile ma sa anche che quando dico si è sì.   L’altro giorno, erano i primi di Gennaio, ho saputo che questo amico – dalla parvenza pacata e casanova, si è messo a fare piroette e volteggi coi controcazzi: ha aperto un bar tutto suo e si è sposato, quasi contemporaneamente!  …

  • Opere,  Tempo Libero

    Tavern’Arte – Arte da degustare

    Da domani 12 Gennaio, al 23 Gennaio, mi espongo.   Il maestro del corso di disegno e pittura che frequento ha organizzato, insieme ai gestori del Tavernacolo di Settimo Torinese, una serie di eventi: Tavern’Arte – Arte da Degustare.   Si tratta di una iniziativa che unisce l’arte figurativa ai tempi di relax e cazzeggio, perché – diciamocelo – l’arte di per sé occupa in ciascuno di noi spazio e tempo assai limitati.   Il connubio: bevo un bicchiere di buon vino in un ambiente piacevole, che mi offre fra l’altro un panorama artistico vario e unico … rasenta davvero la perfezione!   Nei giorni scorsi ho ultimato i dettagli:…

  • Opere

    Flagranza

      Hai presente quando deceleri per fermarti in coda al semaforo e per un attimo stacchi il cervello? Il dito non whatsappante si insinua fra i meandri delle narici rigogliose, e mentre cerchi un deposito per il vigoroso raccolto rombi di clacson ti riportano in carreggiata, o meglio: nella seconda corsia di tre, … all’ora di punta!   Flagranza    Olio su tela 50×70 (2018)  

  • Opere

    Luna (S)calante

    Luna (S)calante Olio su tela_mis.50x70cm ___________________🌙_____________________ L’ironia è il sale della vita, il pepe, il pinzimonio; è il colore essenziale della gioia del distacco, della capacità di ridere, di sorridere, di guardare le cose da un punto di vista disincantato; l’ironia consente di non aderire al dramma, consente di sdrammatizzare, per l’appunto, di alleggerire, di guardare i problemi appesi a un palloncino, il che aiuta sicuramente a risolverli 🎈  

  • Opere

    Selfie

    Sembra così distaccata, così concentrata, così tranquilla. Eppure i suoi occhi rimangono puntati sull’orizzonte. Appena la conosci pensi di aver capito tutto quello che c’è da capire di lei, ma nulla di ciò che pensi è vero. Dentro di lei la passione scorre come un fiume di sangue. Ha distolto lo sguardo per un solo istante, e la maschera è scivolata, e tu ti sei innamorato. Tutti i tuoi domani cominciano qui. [New Age] [ Selfie – olio su tela, 60×60]

  • Missioni

    Caro Babbo, vorrei…

    Caro Babbo, so bene di essere in anticipo ma se non colgo l’attimo poi me ne scordo! Vorrei che la temperatura attuale resti tale anche a dicembre, gennaio, febbraio e, chesso’, diventi perenne; Vorrei un bimby-man che mi accolga la sera, mi vizi un po’ e mi coccoli anche, mmh sento già il profumo di succulenti e sane pietanze, vorrei che mi inebrii dolcemente e si faccia tiramisù, senza concedere distanze; Vorrei conversare con persone interessanti, motivanti e stimolanti, non lagnanti e tanto meno insegnanti, ché anche chi ha una cattedra sa bene che saccenza equivale a decadenza; Vorrei avere un sorriso al giorno da spendere per chi ne ha bisogno,…

  • Missioni

    So che sai

    So che sai. Che sai che sei. Che non ce lo diciamo. Che quando parliamo è scontro, incontro, confronto. E’ contorto. E’ conforto. Il lieto fine non è per noi, non fuori, non detto, lo portiamo dentro. So che sai. Che sei enfasi, audacia, passione. Resilenza, empatia. Parolacce. Sai che ho pescato tutto, ‘nella scatola e nella cassa’ ogni cosa è riposta, lì sai che trovo risposta. Pur nel disordine, che regna e vaga sovrano. So che mi strapazzerai sempre. Ancora e ancora, che infilerai ordine nella scatola, pungolando la cassa. Che mi ricorderai dove sta la forza, e mi fornirai forbici per scucire la durezza. Che ci sarà sempre…

  • Missioni,  Soliloquio

    Undici anni senza te

    Non t’ho mai chiesto scusa. … ho vissuto in apnea sapendo, ma volendo ignorare. ho corso, cosciente del fatto che non ti avrei raggiunto. ho seguito le tue ultime parole, ti ho immaginato lì a ridere per non aver saputo dire sì. ‘sei la regina dei gavettoni’ dicevi, hai voluto privarmi dello scettro con la doccia più gelida che abbia mai conosciuto. ho sollevato e smosso l’infinito, scoprendo t a r d i che non eri mai partito. non mi perdono. ho compreso il senso dei disegni invisibili, ma non riesco ad accettare lo stato di impotenza a cui mi ha costretta. mi hai salvata hai salvato il mio corpo…