sing mind

7 dicembre

I giapponesi attaccarono Pearl Harbor e scoppiò la Seconda Guerra Mondiale; venne brevettato il frigorifero;  morì Cicerone; si celebra  Sant’Ambrogio ed ogni anno, a Milano, si inaugura la stagione teatrale.

Io oggi entro ufficialmente nel mio anno 7. *

Se la matematica non è un’opinione e i calcoli fatti sono esatti, il ghigno-naturale sul mio viso ha un perchè 😉 Non  ho la più pallida idea di come passerò questa giornata, di certo so che abbandonerò alle spalle l’anno passato – pesante e snervante – ma ricco di novità sorprese e belle persone (che mi porterò dietro), pieno intenso e carico di prese di coscienza.

In questi giorni le mie interiora hanno già fatto ogni tipo di salto carpiato, il mio stato d’animo è sensibile alle variazioni ormonali dell’intero genere femminile, vivo in pratica in sindrome premestruale dal primo dicembre a tutto il sette gennaio!

Già mamma, quel macigno enorme ed ingombrante è ricomparso puntuale, parzialmente scalfito e sgretolato a dire il vero, però è lì. C’è.

Sono tante le situazioni che mi disgustano ancora. Non riesco a comprendere come sia possibile vivere serenamente chiusi in una bolla ipocrita falsa e tendenziosa. Ho superato, in parte, l’ ostacolo quest’anno. Riesco ad evitare di dire sempre ciò che penso: infilo tutti i pensieri maldestri e autolesionisti in una burnia sterile ed ossigenata, poi di tanto in tanto ne tiro fuori uno, così a spot. Perchè tanto certa gente di puttanate ne spara in continuazione. Ci si nasconde dietro il sacro velo dell’ignoranza – sai, non ha mica studiato! come a dire che chi studia è intelligente…

Ti prego, non ricordarmi certe cose, non oggi almeno! quel giorno avrei commesso un genocidio! mi ha guardata e dopo tutto il discorso fatto dice: mettiamo una pietra sopra. Avessi potuto contare sull’ immunità parlamentare, l’avrei sotterrata ai piedi del Monviso! No, nella burnia in quell’occasione non ci entrava più nulla!

Hai notato però che cambiamento … ho messo su un paio di chili, mi idrato spesso e dico tanti GRAZIE. Ho seguito passo passo il progetto di scrittura (neanche tu potevi crederci eh!). Ho fatto il lomi lomi, una seduta di scavo e messo un pò d’ordine nell’armadio. Ho comprato una scrivania nuova e presto arriverà anche il mega letto spaziale di Samuel! Ho messo in gestazione un progettino che mi tiene vivi i neuroni e le coronarie (e che magari – anche con il tuo sostegno – partorirò presto, in modo naturale e senza traumi ne dolore!). Ho accompagnato Samuel a ben due festicciole di compleanno, ed ho anche socializzato con le altre mamme :-D. Ho letto molto ed ho capito tanto. Ho iniziato un corso di disegno con Sara. Ho pregato anche , a modo mio ma l’ho fatto! Ho fatto pace con i morti (con i vivi ci proverò quest’anno!). Sarà merito del proposito fatto a fine anno scorso (gli slip rossi e lenticchie di Capodanno!) o magari sto veramente crescendo. Mhà!

Oggi vorrei poterti rapire senza chiedere riscatto, domani ti riporterei a casa. Vorrei bere con te un marocchino, farti provare l’ espressino al caramello del Panorama. Vorrei guardare un film strappalacrime e fumare insieme una sigaretta. Vorrei farti assaggiare la mia pizza e la mia crostata senza zucchero. Vorrei prendere a prestito una vecchia 500 e farti da navigatore per le strade di Pecetto. Oggi vorrei sedermi sulle tue gambe e sentirmi ancora la tua bambina.

Lo so lo so. Ma visto che non riesco a sognarti nel sonno, ci provo ad occhi aperti!

La candelina è accesa. Soffi con me?

Che Oggi sia un nuovo inizioquesto è il mio augurio – per me!

* [“Nell’anno 7 l’attenzione si sposta dal fuori al dentro. Sentirai molto questo ciclo proprio quest’anno perchè è sostenuto da altri sette nel tema. Poi ti aspetta un ciclo di mietitura dove pace e gioia, come il primo ciclo, saranno dominanti. Sei chiamata a lavorare su di te per tornare al piacere dell’infanzia anche nell’età matura.”]

Siedi,
ti offro un giro.
#inbottega
Andiamo
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.